giovedì 22 gennaio 2015

REVIEW | Chanel Vitalumière Loose Powder Foundation

Novità dell’autunno, si sa, sono soprattutto i nuovi fondotinta. Già da fine agosto, appena viste le prime news, mi sentivo profondamente innamorata del nuovo fondotinta Chanel.
Il Vitalumière Loose Powder Foundation è l’ultimo membro della già numerosa famiglia Vitalumière ed io, da un po’ attratta dai fondotinta in polvere, non vedevo l’ora di dargli una chance.


Se mi seguite su FB o Instagram, magari avrete visto la foto post acquisto del mio gioiellino. Sì, perché di gioiellino si parla dato il prezzo non proprio abbordabile ma andiamo per gradi. Dicevo, ho acquistato questo fondotinta a metà ottobre ma ho scelto di acquistare una colorazione (N° 30) che si potesse adattare al mio pallore invernale, in modo da usarlo nei mesi più freddi. Da poco posso dire di aver perso anche l’ultimo grammo di tintarella rimasta dall’estate e sono riuscita ad iniziare l’utilizzo del fondotinta. Curiose di sapere le mie impressioni?


La prima cosa di cui vorrei parlare è il packaging. Il fondotinta in polvere libera è contenuto in un barattolo in plastica trasparente ma satinata, con il coperchio laccato con l’inconfondibile logo Chanel. Ora, ho qualcosa da dire a proposito di ciò. So che spesso si criticano i prodotti con un packaging più pesante (come il vetro) perché poco pratici da trasportare in borsa o in valigia e spesso sono d’accordo ma stavolta devo dissentire in toto. Voglio dire, per un fondotinta in polvere dal prezzo esorbitante di 64 € (!!!) credo proprio che si potessero impegnare un po’ di più e concederci almeno una confezione che, al tatto, risultasse più lussuosa e di valore. Personalmente, non torvo un fondotinta in polvere un prodotto maneggevole o pratico da portare a zonzo fuori casa e non mi sarebbe cambiato nulla se la confezione fosse pesata quattro volte tanto. Trovo sia un pezzo molto bello e che preferisco vedere troneggiare in bella vista sul mio tavolo da trucco, piuttosto che fare capolino dalla make up bag.


L’applicazione è davvero facile, veloce e a prova di incapace, a partire dal prelevare il prodotto dalla confezione. Una volta svitato e sollevato il coperchio, si nota il vano nel quale miscelare la polvere con il pennello. Un adesivo protettivo nero nasconde quello che, a parere mio, è il punto di forza di questo prodotto. Solitamente i fondotinta, o tutti gli altri prodotti in polvere libera, sono contenuti in una mar “tappata” con un coperchio forato. Per far fuoriuscire la polvere, si scuote leggermente la jar e si fa cadere il prodotto sulla parte interna del tappo della confezione. Processo piuttosto odioso a mio avviso. Con il Vitalumière Loose Powder, è tutta un’altra storia. Una volta rimosso l’adesivo protettivo, si scopre una sorta di garza elastica e microforata. Per prelevare il prodotto, non vi basterà far altro che appoggiarci sopra il pennello, effettuare una lieve pressione, prelevare la polvere e girare il pennello nel contenitore per far aderire bene la polvere tra le setole. Voilà, il gioco è fatto, senza dispersioni di prodotto e riducendo al minimo l’inconveniente della polvere svolazzante.
Una volta pronto il vostro pennello, non c’è molto da dire se non che è il momento di procedere con l’applicazione. Ho provato ovviamente sia il pennello kabuki incluso nella confezione che altri diversi tipi di pennelli. Il pennello incluso funziona a meraviglia ed è morbidissimo. A mio avviso, i pennelli tondeggianti sono i migliori per applicare i fondotinta in polvere e la densità delle setole è la variabile che vi donerà più o meno coprenza. Setole piuttosto dense e compatte come quelle del Real Techniques Buffing Brush (l’ultimo a destra tra questi) o del N° 45 di Sephora (qui) mi hanno dato una “coprenza” maggiore ma comunque un effetto molto naturale e sono perfetti per applicare in modo più deciso il prodotto nelle aree con lievi rossori, discordie o leggere imperfezioni. Pennelli come il Real Techniques Multi Task (anche stavolta, l’ultimo a detta tra questi), invece, danno un applicazione leggerissima e permettono anche di usare il prodotto come una cipria dopo aver applicato un fondotinta liquido.



Una nota di merito è d’obbligo anche per il kabuki compreso nella confezione. Sicuramente il fatto che ci sia anche il pennello ha inciso sul prezzo del prodotto ma devo dire che merita davvero: le setole sono dense e morbide come piume ed ha superato benissimo già due lavaggi. Date le dimensioni ridotte, è perfetto anche per essere infilato nella borsa o per viaggiare. Good job, Chanel!


Il risultato è quello di una pelle naturale, sana e luminosa. Pur dando l’effetto asciutto, morbido e vellutato che solo una polvere può dare, il viso non è piatto, anzi. La luminosità naturale della pelle viene restituita e l’effetto è davvero naturalissimo. La coprenza, termine che prima ho usato tra virgolette, è davvero davvero leggera. Conscia di ciò, ho acquistato il prodotto pensando ai good skin days, quando ho solo bisogno di uniformare il viso senza appesantirlo. Io apprezzo particolarmente i fondotinta con una coprenza leggera o media: odio il fondotinta che si vede o si sente, preferisco all’occorrenza giocare di correttore e tenere i prodotti coprenti per la sera. 
Trovo che il profumo sia un altro pregio indiscusso del Vitalumière Loose Powder. Quello che si sente all’apertura del barattolo e durante l’applicazione è il classico profumo dei fondotinta e delle polveri viso Chanel e cioè un paradiso. È un misto di fiori, frutta e lusso che mi fa letteralmente impazzire e rende il momento del trucco un vero piacere. So che molte non amano (o non tollerano) prodotti con profanazioni forti ma io, se il profumo è buono e non si tratta di puzza di vernice o affini, non posso che apprezzarlo.

Questo è lo swatch del mio Vitalumière Loose Powder nella colorazione N°30:


Devo dire che ha un sottotono a metà tra il dorato e il neutro e che, data anche la scarsa pigmentazione, si sposa a meraviglia non la mia pelle, senza creare stacchi di tono o colore. 

Il prezzo è di 64 € per una quantità di 10 grammi di prodotto.

Credo che un prodotto come questo sia, dal punto di vista di formula e coprenza, perfetto per chi ha una bella pelle e pochi difetti e cerca un prodotto leggero e veloce da usare tutti i giorni. Dal punto di vista del prezzo, però, trovo che non sia una spesa da poco e forse non valga la pena spendere così tanto per una polvere così leggera e che, detto sinceramente, non è capace di stravolge l’aspetto della vostra pelle ma solo di darvi una luce in più. Come dicevo prima, il fondotinta può assolutamente essere utilizzato anche come una cipria e, grazie alla coprenza leggera, è in grado di aumentare la resa del vostro fondotinta liquida, a donarvi una luminosità naturale e a fissare il trucco ma comunque non credo che, data la cifra, valga davvero la pena. Io ho acquistato il prodotto, mi piace molto e lo userò sicuramente sia da solo che come cipria, ma, a meno che non abbiate un budget alto e vogliate donarvi una piccola coccola, direi che potreste assolutamente vivere senza.

E voi, avete ceduto o resisterete?

A presto,

Jo ♥ 

2 commenti :

  1. Non amo i fondi in polvere libera, eppure questo mi attira un po'. Probabilmente lo userei più facilmente in estate quando non tollero prodotti troppo pesanti sulla pelle. Mi chiedo però se le colorazioni siano abbastanza varie anche per chi ha la pelle molto chiara.

    RispondiElimina
  2. Ciao! Fantastica recensione. ...mi hai convinta e domani corro in profumeria a comprarlo....ho giusto un buono di pari importo 😁! Comunque non c'è gara: i prodotti da make up chanel sono avanti anni luce...io ho sostituito quasi tutto con prodotti Chanel...mi mancano solo matita e...fondotinta! Pensa che per la 'spesa' mi hanno regalato una pochette nera da borsa ( che penso solo quella valga quanto i trucchi acquistati😄)
    Grazie per i tuoi consigli!

    RispondiElimina